quotidianosanita.it - 28/11/2019

Campania fuori dal commissariamento. La Conferenza delle Regioni dà l'ok
segui quotidianosanita.it Tweet stampa Campania fuori dal commissariamento. La Conferenza delle Regioni dà l'ok Atteso ora il pronunciamento della Conferenza Stato-Regioni, convocata nel pomeriggio a via della Stamperia. Sul parere della Conferenza delle Regioni, Donato, Toma, presidente della Regione Molise, che oggi ha presieduto la seduta, ha spiegato che "la situazione è abbastanza chiara abbiamo discusso ma velocemente, le carte erano molto eloquenti". IL DOCUMENTO 28 NOV - La Campania può uscire dal commissariamento della sanità. Questo, almeno, il parere della Conferenza delle Regioni, che ora dovrà però essere confermato dalla Conferenza Stato-Regione. L'Ok della Conferenza delle Regioni è arrivato stamani. Ad annunciarlo Donato Toma, presidente della Regione Molise, che oggi ha presieduto la seduta: "All'ordine del giorno della Conferenza delle Regioni di oggi - ha detto- c'era una delibera della Regione Campania che chiedeva di uscire dal piano di rientro: abbiamo espresso
parere favorevole; andrà alla Stato-Regioni nel pomeriggio. la situazione è abbastanza chiara abbiamo discusso ma velocemente, le carte erano molto eloquenti". La Regione Campania è commissariata dal 2007. L'uscita dal commissariamento metterebbe dunque fine a una stagione durata ben 12 anni e caratterizzata da numerose polemiche tra la Regione e gli ex commissari, ma anche tra la Regione e il Governo dopo la nomina a commissario del governatore Vincenzo De Luca, che da tempo invocava l'uscito dal piano di rientro della sua regione. 28 novembre 2019
---------------------------------------------------------------
La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.