torinoggi.it - 29/11/2019

Governatori più apprezzati d'Italia: il piemontese Alberto Cirio settimo in classifica
Politica | 29 novembre 2019, 15:34 Governatori più apprezzati d'Italia: il piemontese Alberto Cirio settimo in classifica È questo l'esito del sondaggio Swg, che fotografa l'operato dei presidenti delle Regioni. Al primo posto Zaia e poi Bonaccini Il piemontese Alberto Cirio settimo nella classifica dei governatori più apprezzati. È questo l'esito del sondaggio Swg, che fotografa l'operato dei presidenti delle Regioni, su un campione di 10.800 maggiorenni residenti in Italia. A conquistare il podio il Presidente del Veneto Luca Zaia, subito seguito da Stefano Bonaccini in Emilia Romagna, che presto si presenterà alle urne per la rielezione. Al terzo posto pari merito troviamo il presidente della Liguria, Giovanni Toti, e della Lombardia Attilio Fontana, seguiti da quello del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga. Enrico Rossi, governatore della Toscana, si piazza sesto. Segue poi il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, che commenta: "Sono contento che pur essendo solo
all'inizio del mio mandato ci sia già una percezione positiva del lavoro che stiamo facendo. Essere nella parte alta di questa classifica è già un buon risultato, ma al tempo stesso è uno stimolo". "L'impegno è a fare sempre di più e del nostro meglio per rispondere alla fiducia che i cittadini del Piemonte hanno riposto in noi. Sono certo che, quando le tante azioni che abbiamo in cantiere prenderanno ulteriormente forma, questo risultato migliorerà ancora" conclude il governatore. Cinzia Gatti
---------------------------------------------------------------
La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro contenuto per fini che esulano da un utilizzo di Rassegna Stampa è compiuta sotto la responsabilità di chi la esegue; MIMESI s.r.l. declina ogni responsabilità derivante da un uso improprio dello strumento o comunque non conforme a quanto specificato nei contratti di adesione al servizio.